Contatti | Mappa del sito
HomeAssociazioneStrumentiApprofondimentiCall center tecnicoImprese e prodottiNotizieIn evidenzaAderire a UncsaalArea Riservata

UNIONE NAZIONALE COSTRUTTORI SERRAMENTI ALLUMINIO ACCIAIO E LEGHE

Mercoledý, 27 Agosto 2014
Home arrow Notizie arrow Ultime notizie arrow Proroga del 55% fino al 2020?
Proroga del 55% fino al 2020? PDF Stampa E-mail
11 maggio 2012

Segnali contraddittori e azione Uncsaal

 

 

 

 

 

 

 

Il Governo, anche grazie alle sollecitazioni giunte da Uncsaal e da FederlegnoArredo e alla richiesta formulata nei giorni scorsi dalla Commissione Ambiente della Camera di inserire la stabilizzazione del 55% nel DEF (documento economico finanziario), non ha escluso la possibilità di prorogare fino al 2020 il bonus 55% per gli interventi di riqualificazione energetico sugli edifici.

 

Da indiscrezioni, la proroga del 55% potrebbe però contenere anche una mini-riforma degli strumenti finora utilizzati, che potrebbero significare una riduzione dell'aliquota applicata fino a oggi.

 

In contemporanea giungono però anche segnali che non possono non allarmare il comparto dell’involucro edilizio: circolano infatti ipotesi su un 55% con premialità differenti a seconda della tipologia di interventi realizzati, ipotesi che vincolerebbero le percentuali di detrazione a contestuali interventi di riqualificazione anti-sismica o di riqualificazione energetica complessiva degli edifici.

 

Queste interpretazioni rischierebbero di depotenziare nella sostanza un provvedimento che, secondo dati Enea, solo nel 2010 ha rappresentato investimenti per 4,6 miliardi di euro e ha generato un risparmio di energia primaria pari a 2mila GWh, grazie a 405.600 interventi che hanno riguardato in primis la sostituzione di infissi (il 55% del totale, cioè 220mila interventi).

 

Un 55% depotenziato nell’aliquota di detrazione o reso burocraticamente ed economicamente insostenibile per migliaia di famiglie italiane, oltre a rappresentare una potenziale sciagura per il comparto italiano dei serramenti (che genera il 32% del proprio fatturato proprio grazie agli incentivi del 55%) già duramente colpito dalla crisi del settore costruzioni, può rappresentare l’arresto del trend virtuoso di risparmio di GWh/anno determinato dalla riqualificazione energetica degli edifici.

 

Uncsaal e FederlegnoArredo proseguiranno nell’azione di sensibilizzazione di Governo e Parlamento affinché il 55% sia prorogato fino al 2020 garantendo la piena accessibilità a tutti i consumatori italiani attraverso una premialità unica per tutte le tipologie di intervento.

 

 

 

Tutte le notizie sul 55%

 
2 punti srl